Il piatto della tradizione contadina, cucinato con ingredienti semplici offerti dalla terra, è diventato il simbolo gastronomico, ma non solo, della Valtellina: la sua genuinità ha conquistato anche i palati più esigenti.

Il piatto più rinomato della cucina valtellinese ottenuto dall’impasto di farina di grano saraceno, farine di grano duro e grano tenero e acqua.

È condito con patate e verze, con coste oppure spinaci, insaporite dal burro e dal formaggio Valtellina Casera DOP.


In passato i pizzoccheri venivano realizzati esclusivamente a mano

Ora vengono prodotti attraverso processi meccanizzati, a garanzia della salubrità alimentare, ma mantengono il loro gusto unico.

L’antica ricetta è preservata dall’Accademia del Pizzocchero di Teglio

È il centro della Media Valtellina, nel quale storicamente è nato questo piatto grazie alle estese coltivazioni di grano saraceno che risalgono al 1600.


Il Comitato per la Valorizzazione dei Pizzoccheri della Valtellina

È nato nel 2002 con lo scopo di presentare in Regione Lombardia la domanda per l’ottenimento della IGP della pasta Pizzoccheri della Valtellina che è stata riconosciuta e iscritta nei registri comunitari nell’anno 2016.

Il Comitato associa i 5 principali produttori di Pizzoccheri della Valtellina IGP di prodotto secco e fresco. I mercati di riferimento attuale sono per il 98% l’Italia, ed il resto Svizzera e altri paesi extra europei quali Usa, Canada.

Scopri di più: www.pizzoccheridellavaltellina.eu

Ricetta

Pizzoccheri alla Valtellinese

Ingredienti per 6 persone

  • 400g di farina di grano saraceno,
  • 100g di farina bianca
  • 300g di patate,
  • 250g di burro,
  • 300g di verze,
  • coste o spinaci,
  • 500 g di formaggio Valtellina Casera DOP
  • 150g di formaggio da grattugia,
  • 2 spicchi d’aglio
  • pepe

Preparazione

Mescolare le due farine, impastarle con acqua e lavorare per circa 5 minuti.
Con il mattarello tirare la sfoglia fino ad uno spessore di 2-3 millimetri dalla quale si ricavano delle fasce di 7-8 centimetri. Sovrapporre le fasce e tagliarle nel senso della larghezza, ottenendo delle tagliatelle larghe circa 5 millimetri.

In una pentola portare a bollore 1,5 litri di acqua salata; versarvi le patate tagliate a dadi e le verdure tagliate a piccoli pezzi (le patate sono sempre presenti, mentre le verze possono essere sostituite, a secondo delle stagioni, con coste o fagiolini)

Dopo circa 5 minuti aggiungere i pizzoccheri e far cuocere per altri 12/15 minuti.

Scolare con un mestolo la miscela di pizzoccheri e verdure, disponendola in una teglia a strati alternati con il Valtellina Casera DOP a scaglie e il formaggio da grattugia.

Preparare in un tegame il burro fuso e soffritto con aglio o salvia, versarlo sui pizzoccheri amalgamando il tutto accuratamente.

Servire in piatti caldi pepando a piacere.

Vino consigliato

Inferno – Valtellina Superiore DOCG.

 

SalvaSalva

Il nostro sito, utilizza i cookie per rendere semplice ed efficiente la navigazione per l’utenza che ne visiona le pagine. Se vuoi saperne di più clicca "Maggiori informazioni". Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi